#Mfw tra Arte e Moda: La collezione di San Andrès Milano

Creare Arte e Moda contemporaneamente regalando uno spettacolo unico nel suo genere in grado di trasmettere emozioni e di farle sentire sulla pelle.

Quella pelle visibile nei quadri dipinti da lei, la pittrice Fabiola Quezada e coperta dagli abiti disegnati da lui, il designer di San Andrès Milano, Andrès Caballero.

C’è tutto questo nella nuova collezione fall winter 2019 -2020 presentata durante la settimana della moda a Milano.
Due corpi con una sola anima in grado di trasmettere forti emozioni e di andare oltre l’abito. 

Fabiola Quezada e Andrès Caballero hanno unito i loro mondi creativi incontrandosi e comunicando.
 Due modi per esprimere l’arte a tutto tondo con colori passionali che si mescolano in una palette, materica e carnale come la cultura del Messico, la loro terra d’origine.
La visione di San Andrès Milano si racchiude dentro ad una musa che dopo una tempesta di pioggia si ripara all’interno di un atelier dove ci si immerge in scintillanti ricami di cristalli Swarovski,motivi floreali, pizzi trasparenze leggerezze di tulle e animalier.

 

In contrapposizione con l’etereo, la materialità di tessuti più caldi e coprenti come la lana mohair e la morbida avvolgenza del cachemire, che grazie ai motivi animalier e a colori -dai più sgargianti, come il rosa shocking e il blu elettrico-si dissolvono verso tonalità più pacate e pastello, declinate nei cappotti dell’essenza sartoriale.

L’artista Fabiola Quezada nasce in Messico nel 1968.

Consegue due lauree: una in amministrazione al politecnico di Città del Messico nel 1991 è una in pittura all’Accademia di Brera Milano nel 2003.

Nel 2004 vince il prestigioso Premio Lissone, al museo d’arte contemporanea dell’omonima città. Pubblica diversi articoli e testi.

Membro Visarte/IAA/AIAP/Unesco e dizionario sull’arte in Svizzera SIKART, ha partecipato a numerose esposizioni in musei, gallerie, istituzioni e spazi per l’arte contemporanea. Vive al e lavora tra Lugano e Milano il suo lavoro fa parte di collezioni d’arte pubblica e private.

Simona Scandura
Una strana ossessione per la "mise en place", innamorata dei fiori, del caffè e di Bauman. Laureata in Giurisprudenza, docente di comunicazione politica istituzionale e sociologia della comunicazione. Iscritta all'albo dell'ordine dei giornalisti dal 2009 con un passato da cronista televisiva. Aspirante videomaker, Ha collaborato con diversi periodici regionali. Dal 2013 direttore della testata giornalistica d'inchiesta SUDPRESS. Oggi direttore di SUDLOOK!

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here