Tra ieri e oggi, la festa del gruppo Spedalieri ’85-’95

La notte insonne, che evoca la notte prima degli esami di maturità; l’attesa che monta la mattina; il pomeriggio al cardiopalma, per il ritorno a scuola, con la voce rotta e gli occhi lucidi. E poi la sera al Festone, esplosivo, travolgente ed emozionante.

È stata una giornata indimenticabile per gli ex studenti del Liceo Classico Spedalieri di Catania ’85-’95, il gruppo “Nicola Spedalieri People”, protagonisti ed artefici di un evento unico e straordinario, una mega reunion nata su Facebook, da un’idea di Luca Pandetta, ed approdata nella vita reale, portando con sé nuove amicizie, progetti, entusiasmo ed un regalo per la scuola: un impianto di amplificazione, acquistato con il ricavato del Festone organizzato da Zo – Centro Culture Contemporanee.

Inizia al suono della campanella il raduno, tutti a raccolta, puntuali, alle 16.30, nell’atrio della scuola. Niente assenze, “calie”, ingressi a seconda ora. Stavolta si entra, nessuna giustificazione. C’è chi ha preso un aereo per esserci, chi ha lasciato i figli a mariti e baby sitter. Ognuno con un adesivo sul petto che indica sezione ed anno d’ingresso. E poi via, a perdersi per i corridoi, la palestra, il cortile, le gradinate, incrociando vecchi volti sempre uguali. Le classi che sembrano più grandi, le lavagne più piccole, e ancora il suono della campanella.

La ricreazione: gli studenti del 2017 hanno preparato un tavolo pieno di dolci per i compagni ’85-’95. Le vite si incrociano, il passato diventa presente, e crea un futuro nuovo.

Ieri, oggi e domani: è tempo di condividere i ricordi. Così alcuni degli ex studenti prendono la parola in cortile, raccontando aneddoti, episodi, storie, e i giorni dell’occupazione.

Scatti per immortalare la commozione, e video diretta su Facebook per tutti coloro che non hanno potuto partecipare. Suona di nuovo la campanella. Si indugia ancora davanti ai cancelli, ma è tempo di andare.

Rotta per il Festone. Un evento nell’evento, in diretta radiofonica al microfono di Max Licari. Il sound è rigorosamente anni ’80 e ’90, in consolle solo ex spedalieroti: Salvo Guarnaccia, Florinda Ipocoana, Elena Mascolino e Nuccio Giuffrida. Prima però il live di Roberto Fuzio, Pasqualino Cacciola, Marta Famoso, e il concorso di Miss e Mister Spedalieri oggi, condotto da Paolo Di Caro e Mario Licciardello, che per mesi ha tenuto incollati a Facebook gli internauti, impegnati nelle preselezioni on line dei candidati. Corona, scettro e fascia a Valeria Fassari e Massimo Fiumara, quest’ultimo autore di un tormentone sulle note del successo sanremese Occidentali’s Karma in salsa spedalierota, dal titolo Spedalierini’s Karma, che è diventato immediatamente il manifesto musicale del gruppo “Nicola Spedalieri People”.

Oltre 700 persone, non solo dello storico liceo classico catanese. Un grande successo, un esperimento unico. Non la festa dello Spedalieri, non la festa di una generazione. Ma la festa di un’intera città, per il rilancio del liceo classico, ed il primo traguardo di numerosi nuovi progetti che hanno già portato alla nascita di un’associazione: “NSP Nicola Spedalieri People”.

L’entusiasmo è alle stelle, e il gruppo Spedalieri non può perdere l’occasione di festeggiare insieme anche il 25 aprile, giorno della Liberazione, con un pic nic, in pieno stile Woodstock. Tutti sul prato, ad intonare con le chitarre “Bella Ciao”.