Acrobati, giocolieri e performer di ogni tipo coloreranno da questo pomeriggio le viuzze attorno al Castello Ursino e il centro storico catanese per la sesta edizione di Ursino Buskers, il quartiere si trasforma in un laboratorio a cielo aperto con 15.000 metri quadri di centro storico pedonalizzati, 8 aree spettacolo, 50 spettacoli gratuiti al giorno e una grande parata che darà il via alla festa diffusa.
Dietro questa mobilitazione sociale e culturale c’è una rete di gruppi e associazioni civiche come il Midulla, il G.A.P.A di San Cristoforo, e Gammazita che lavorano incessantemente per tessere una quotidianità nei quartieri fatta di rieducazione alla legalità e inclusione.
L’appuntamento è fra poche ore con la sfilata cittadina Sambazita e gli artisti Ursino Buskers Partenza da Via Etnea – Ingresso della Villa Bellini.

UN FESTIVAL SOCIALE

Il palcoscenico urbano prende vita ufficialmente dal 20 al 22 settembre ma Ursino Buskers è un festival sociale ideato, organizzato e sostenuto dal basso grazie al lavoro di tutti gli attivisti.
L’obiettivo è rigenerare e riqualificare il quartiere storico del Castello Ursino attraverso le arti di strada, la musica, il teatro, il circo contemporaneo, le arti performative e la cultura, promuovendo quell’atmosfera multiculturale e valorizzando gli angoli più suggestivi del centro storico.
Quest’anno c’è una piccola novità: l’impegno ad essere “plastic free”, gli appuntamenti food & beverage saranno privi di ogni forma di plastica, l’intento è quello di divertirsi in modo sostenibile senza impattare sull’ambiente, per condividere e lasciare la città più bella (e più pulita) di prima.

Foto di copertina di Claudio Biondi (via web Gammazita)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here