Ci sono casi in cui avere qualcosa, “possedere” è l’unico stile di vita possibile. Si passa dall’identificazione con un oggetto alla subordinazione ad esso. Un sostegno dell’Io direbbe Erich Fromm. Ed è questo forse quello che è accaduto questa mattina a Catania con le scarpe Adidas Limited Edition.

Una folla di ragazzi trai 18 e i 25 anni alle prime luci dell’alba hanno letteralmente invaso corso Italia, non per scendere in campo contro il Job Act o le nuove riforme del governo Renzi, ma per conquistare un paio di scarpe modello Yeezy Boot 350 V2 dal costo di 220 euro.

 

img_3844

 

I giovani, circa 500, quasi tutti studenti universitari (e quindi senza lavoro) sono rimasti in coda per ore davanti al negozio di scarpe di Papini, (come se stesse distribuendo qualcosa gratis) che ha utilizzato una pratica con
sigliata da Adidas, il colosso aziendale tedesco che opera nella produzione di articoli sportivi, con un fatturato annuo di 16,9 miliardi.
Il metodo consiste nel consegnare dei biglietti con un numero e poi estrarre a sorteggio i fortunati (circa 80 questa mattina) a cui consegnare le scarpe alla “modica” cifra già indicata.

adidaslimitedCosa spinge questi giovani a comprare un paio di scarpe costosissime lo chiediamo direttamente a loro, cosa invece rende legato connesso e incatenato a noi stessi ciò che possediamo e ciò che abbiamo è una domanda che ci poniamo anche noi di Sudlook che in questa nuova ambiziosa avventura vogliamo occuparci di stile, di moda, di bellezza, ma soprattutto di cultura.

L’uomo manipolato nei gusti, dall’industria, dai mass media finirà per essere manipolato anche nelle opinioni?

 

 

 

CONDIVIDI
Simona Scandura
Una strana ossessione per la "mise en place", innamorata dei fiori, del caffè e di Bauman. Laureata in Giurisprudenza, docente di comunicazione politica istituzionale e sociologia della comunicazione. Iscritta all'albo dell'ordine dei giornalisti dal 2009 con un passato da cronista televisiva. Aspirante videomaker, Ha collaborato con diversi periodici regionali. Dal 2013 è direttore della testata giornalistica d'inchiesta SUDPRESS.