E’ stato un inizio scoppiettante quello della “Nivarata 2018” con una cerimonia d’apertura in grande stile sul palco di Piazza Duomo ad Acireale (CT).

Fra i momenti salienti della cerimonia d’apertura la giovane e talentuosa gelatiera Giovanna Musumeci di Randazzo (CT) ha ricevuto la nomina di “Ambasciatrice della Granita Siciliana nel Mondo“, un riconoscimento che le conferma la stima e l’apprezzamento che il suo lavoro, condotto sempre in sinergia con il padre, riceve non solo in Sicilia ma un po’ in tutto il mondo.

Non è passata inosservata la novità di “Nivarata 2018” uno spazio gourmet a cura degli “Chef con la Coppola” Simone Strano, Giuseppe Raciti, Giovanni Grasso, Giuseppe Torrisi e Orazio Cordai, il poker d’assi della cucina siciliana (più uno, il Maestro Cordai che si è aggiunto per l’occasione) che sono prima di essere Chefs, grandi amici con tanta voglia di divertirsi, sfidarsi e offrire le migliori tipicità siciliane come gli hamburger con porchetta di maialino nero e composta di cipolla giarratana, che sono state alcune delle delizie “salate” di questo appuntamento.

Fra i momenti più interessanti l’allestimento curato da Luigi Romana presso il Municipio del Comune di Acireale (CT) che ha fedelmente riproposto gli attrezzi del mestiere sin dalle origini, con a supporto immagini e soprattutto una spiegazione all’altezza di una lezione universitaria in materia, nella quale è stato evidenziato il valore terapeutico, o più correttamente nutraceutico della granita.

Il gusto vincente della “Nivarata 2018” è all’insegna della semplicità: a portarsi a casa il premio è stata “la Calabrisella” a base di arancia, bergamotto e liquirizia, un abbinamento che ricorda i profumi tipici delle campagne del sud, un gusto messo a punto da Chiara Saffioti e Antonio Grillea di “Granitiamo” di Palmi (RC).

I vincitori sono stati selezionati dalla giuria tecnica (che aveva fra i suoi componenti nomi illustri, finanche un discendente di Procopio de Coltelli, il cuoco ritenuto il padre del gelato, che è venuto appositamente dalla Toscana dove esercita non a caso la professione di maestro gelatiere) che in combinazione con i voti del pubblico intervenuto ha decretato la classifica.

 

Quest’anno sono stati proposti 15 nuovi gusti di granite altrettanti maestri gelatieri: Giuseppe Arena – gelateria “Export”(ME); Gentian Ashiku -“Mil sabores” Pontenure (Piacenza); Alessandro Attilio per “Insisto” di Savona; Luigi Beretta – azienda agricola “Beretta Luigi” Zeccone (Pavia); Seb Cole – “Boho Gelato” Brighton (United Kingdom); Salvatore Fasolo – “Langolo delle delizie” Piraino (ME); Peppe Flamingo – “Tasta” Modica (RG); Fabio Marconi – “Gelaterie Marconi” Chiavari (GE); Giovanna Marsilio – “Koala” Legnago (VE); Mariko e Shoei Nakagawa – “Sinpachi Chaya” Kyoto (Japan); Chiara Saffioti – “Granitiamo” Palmi (RC); Ilaria Scarselli – “La fonte del gelato” Fucecchio (Firenze); Aurelio Seminara – “Nevaroli” Acireale (CT); Alessandro Squatrito – “Ritrovo orchidea” Oliveri (ME); Guido Zandona – “Chokkolatte” Padova“.

La manifestazione dedicata al prodotto simbolo di Sicilia, ha raggiunto con questa settima edizione numeri ragguardevoli e sono state numerose le presenze internazionali, a testimonianza che questo dolcissimo rituale della granita comincia ad attrarre fan e appassionati nel mondo, non ci sono dubbi: la svolta internazionale è stata intrapresa, l’appuntamento per scoprire chi saranno i nuovi protagonisti è al prossimo anno!

CONDIVIDI
Valeria Lopis
Mamma ai tempi di whatsapp, winelover appassionata, lettrice seriale, 100% made in Catania ma con tanta voglia di importare usi e costumi nord europei, a cominciare dal loro design, così dopo una bella laurea in scienze politiche e tante collaborazioni nel mondo della comunicazione, inizia il suo lavoro nel mondo del design come arredatrice d'interni presso un prestigioso show room catanese. Social quanto basta, orgogliosa proprietaria di un vespone dell'82, a bordo del quale il mondo è sempre un posto bellissimo, capta pensieri ed energie, come tutte le donne è geneticamente predisposta a fare circa 10 cose contemporaneamente, ogni giorno è un nuovo giorno ma la domenica è sempre troppo breve!