“Un esempio di altruismo verso i bambini affetti da malattie oncologiche” è questo il grande impegno di LAD Onlus che, ieri sera, ha ricevuto l’Elefantino D’Argento dal sindaco di Catania, Salvo Pogliese, per aver creato WonderLAD, la più grande opera di terzo settore in Italia.

Prestigioso il premio, che, per tradizione, viene assegnato dal primo cittadino del capoluogo etneo a personaggi di spicco nella società catanese, che, con il loro quotidiano impegno, contribuiscono allo sviluppo del territorio e alla sua promozione.

 “Abbiamo bisogno di persone di straordinario valore come Emilio Randazzo e Cinzia Favara – dichiara il sindaco Salvo Pogliese – che, con enormi sacrifici personali, hanno preso un terreno abbandonato in periferia e lo hanno trasformato in speranza, dedicando ogni sforzo a favore dei cittadini più piccoli, indifesi e vulnerabili. Uno spazio di colore e arte che possa aiutarli a vincere la loro battaglia contro la malattia. È questa la Catania che amiamo e i cittadini, grandi e piccoli, che ammiriamo: non si arrendono, non si abbattono, credono e si impegnano per un futuro migliore”.

Una serata dalle grandi emozioni, a cui erano presenti l’assessore alla cultura Barbara Mirabella; il sovrintendente del teatro massimo Bellini, Giovanni Cultrera; il presidente di Amt Giacomo Bellavia e che ancora una volta, ha coinvolto centinaia di sostenitori e di persone che fanno parte della sempre più crescente rete di solidarietà partecipata, che si è ritroverà all’ Hotel Four Point by Sheraton, pronto ad accoglie e supportare questo progetto virtuoso, riconosciuto a livello internazionale.

“Sono a fianco di questo progetto di solidarietà partecipata da molti anni – dichiara l’assessore Barbara Mirabella – durante i quali ho potuto di cogliere a fondo la bontà e l’alto valore morale. Quello che l’amministrazione ha voluto tributare a Lad Onlus questa sera, è un riconoscimento straordinariamente significativo a ringraziamento di quello che Emilio Randazzo e Cinzia Favara sono riusciti a realizzare e per l’esempio di altruismo che hanno dato a tutta la città”.

Durante la festa solidale sono stati raccolti i fondi per il completamento della “casa abbraccio” in via Filippo Paladino a Catania. Un dinner e show magico a cui a cui hanno danno il proprio contributo, offrendo il servizio di catering, il banqueting di Dario Pistorio e la pasticceria Savia, il bar Ernesto. Il tutto accompagnato dall’intrattenimento musicale di Francois e Le Coccinelle, insieme a Rosetta Falzone e Massimo Napoli.

WonderLAD, inaugurata lo scorso 20 novembre alla presenza del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, dal 7 febbraio partirà con i laboratori creativi, attività d’arte e di sostegno, insieme ad altre attività ludico-ricreative, secondo la metodologia dell’arte che cura, riconosciuta a livello mondiale con pubblicazione sulla rivista ufficiale della SIOP, “Blood & Cancer” di gennaio 2019.

La struttura di 1.870 mq comprende anche un auditorium avveniristico, una biblioteca e sei monovani dotati di quattro posti letto, bagno privato e cucina, per accogliere le famiglie dei piccoli pazienti, e si estende tra giardini, parco giochi e posteggi, su un terreno di 17.500 mq concesso dal Comune di Catania.

Chiude quindi con un grande successo l’appuntamento tanto atteso con un unico obiettivo: restituire la bellezza della vita ai bambini gravati dal peso della malattia oncologica e alle loro famiglie.

Simona Scandura
Le good news come stile di vita. Ama i fiori, i cani e il caffè, cucina bene solo col Bimby. Laureata in Giurisprudenza, docente di comunicazione politica istituzionale e sociologia della comunicazione, da diversi anni dirige alcune testate giornalistiche rivolte a professionisti e Pubblica Amministrazione. E' direttore di EnergiainComune, la rivista green sulla sostenibilità e l'efficienza energetica che guarda al futuro. Iscritta all'albo dell'ordine dei giornalisti dal 2009 con un passato da cronista televisiva. Specializzata in Digital Pr e Uffici stampa, ha collaborato con diversi periodici regionali e agenzie di comunicazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here