Bianche trame la nuova collezione di Marco Strano da Istanbul alla Sicilia fa impazzire i social

Un elogio maturo e poetico alla donna “vera” e mediterranea.
Marco Strano porta in passerella “Bianche trame” consacrando la sua maturità professionale con un tratto slegato dai canoni prettamente estetici e dedicato all’attenzione dei dettagli sartoriali e alle mescolanze dei tessuti.
Domenica 26 gennaio la presentazione della nuova collezione a Palazzo Manganelli di Catania con 550 ospiti è stata un vero e proprio successo con un parterre folto di giornalisti, fashion blogger e professionisti del mondo della moda.
A sfilare 59 abiti della collezione 2020, 31 couture e 28 sposa.
Importante la partecipazione di Lucia Sardo da sempre attenta alle evoluzioni dello stilista siciliano che ha accolto l’invito di Sudlook a partecipare all’evento insieme a blogger ed influencer siciliane. Un vero e proprio evento nell’evento che vi racconteremo nel prossimo articolo.
Marco Strano, valica i confini canonizzati e non teme di mostrare decolleté e fianchi più pronunciati, appunto  più mediterranei. 
Corpi e abiti che irrompono con una sensualità prorompente, senza perdere quella leggiadria, quell’armonia tratteggiata con linee ora morbide ora rigide su sete decorate di foglie di acanto e rose o trattenuta come in un abbraccio da reti realizzate a mano ad uncinetto, col macramè, il pizzo, il tombolo siciliano. 

Una mediterraneità che riporta ai  ricordi di un  viaggio fisico e dell’anima in un affacciarsi e tornare tra Oriente e Occidente. “È la mia Istanbul che ho voluto raccontarvi – sottolinea Marco Strano –  in un sottile filo conduttore che lega colori, sensazioni, linee con la Sicilia. Perfino in quelle sagome morbide e in quelle vesti nere, indossate dalle donne di fede islamica, c’è tanto di una Sicilia dimenticata.

E se per il wedding la novità  2020 è  appunto la morbidezza,  per la linea couture lo è il colore nero, usato per la prima volta con ben 4 proposte. Un nero che cela un’esplosione di colori, sottili veli sotto cui si intravedono abiti in tessuti preziosi da tinte sgargianti. “Il volume leggero degli abiti dona loro una femminilità altera e quasi snob – spiega Marco Strano – che permette di leggere meglio tutte le trame che compongono l’abito. Cosi come per gli  abiti, i caban di tulle impalpabile velano gli abiti di pizzo chantilly e rebrodé francese”. 

Il leit motiv della collezione “Bianche trame” è appunto l’idea di commistione tra tessuti, colori, decori e tecniche tradizionali tratteggiate con linee moderne: e così, il pizzo sangallo sposa il  macramè fiorito o geometrico. La garza di seta è inframezzata col pizzo ad uncinetto. Insoliti ed armoniosi contrasti pervadono la collezione. Le trame delle reti si intrecciano con i fiori di rafia, di cotone o di seta, creando suggestioni che raccontano i giardini segreti degli antichi palazzi.  La madreperla è ricamata come un intarsio sui corpetti in trine di cotone o in veletta. L’oro è una pennellata leggera che accentua i contorni delle rose dipinte a mano sull’organza di seta e la trama di una rete fiorita. Il verde è una macchia che vibra, chiaro nelle foglie dei mughetti ricamati su una rete dì chantilly, o scuro nelle foglie delle rose sospese in un velo a mantilla. Il colore bianco che illumina la collezione ha un profumo che sa di spezie e di corone fiorite.

E sulla stessa idea, le proposte del make-up artist Orazio Tomarchio, fondatore de “La Truccheria Cherie” oltre a curare il make up delle modelle, ha presentato la sua ultima creazione, un rossetto che prende il nome dal titolo della collezione, in una nuance nude, senza alcun punto di rosa. Un nudo che avvolge le labbra e ne definisce i contorni.  Un evento, organizzato  da Mas Communication, che ha visto un altro grande protagonista, lo chef Seby Sorbello, patron del Sabir Gourmanderie e cooking out catering, che ha  deliziato i palati degli ospiti con due finger food decorati con pizzi e ricami in forma di cialde dolci e salate. In abbinamento, il cerasuolo di Vittoria di Valle delle Ferle e il bianco Cantine I Carrozza.

L’hairstyle è di Roberto Napoli e Alfio Reitano per Compagnia della Bellezza, lo styling della sfilata è curato da Salvo Presti mentre la regia firmata da Mario Gazzo per Magam. Video art line, Marcello Panebianco, media partner: Sudlook, Melania Millesi Wedding planner, Gino cosentino Events tecnology.

Credit photo: Francesco Pellegrino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here