Lei, femminile singolare: la nuova collezione di Marco Strano

Ha uno sguardo nuovo per il 2018 Marco Strano, lo stilista catanese che veste da anni le spose più belle della Sicilia.

Questa volta sono i colori della natura ad ispirare il creatore di moda e designer legato alle radici della propria terra, con un grande rispetto per il passato.

Da sempre Marco Strano ci ha abituate a vedere diversi tessuti messi insieme per creare l’armonia di un abito unico da indossare, ma questa volta c’è di più.
C’è il rumore frusciante del pvc ricamato, il tulle color nude con fiori rossi applicati e poi i grandi contrasti come il rosa, il rosso e il fucsia per un’abito di chiffon.

Anche per quest’anno il trucco è stato curato da Orazio Tomarchio il make-up Artst che ha truccato moltissime star e che per questo evento ha scelto linee morbide e colori naturali per rendere omaggio alla nuova collezione dell’amico stilista, fonte di ispirazione per creare un nuovo rossetto della truccheria Cherie.

 

La sfilata è durata poco più di 35 minuti, a partecipare moltissimi amici e clienti dello stilista. Non sono mancati i momenti divertenti dietro le quinte.
Così come quando si va in scena a teatro non è mancato il consueto “in bocca al Lupo”  prima della sfilata. Tenerissime le tre piccole modelle che hanno sfilato con grazia  eleganza e anche un pochino di dolcissima vergogna che ha fatto scoppiare un lungo applauso di incoraggiamento. Lei femminile singolare, la nuova collezione del 2018.

 

Simona Scandura
Una strana ossessione per la "mise en place", innamorata dei fiori, del caffè e di Bauman. Laureata in Giurisprudenza, docente di comunicazione politica istituzionale e sociologia della comunicazione. Iscritta all'albo dell'ordine dei giornalisti dal 2009 con un passato da cronista televisiva. Aspirante videomaker, Ha collaborato con diversi periodici regionali. Dal 2013 direttore della testata giornalistica d'inchiesta SUDPRESS. Oggi direttore di SUDLOOK!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here