E’ possibile portare il proprio cane al matrimonio? Mister Wedding risponde

Mister Wedding, aiuto!
 Mi sposerò il 15 settembre e mi piacerebbe tanto aver al matrimonio anche il mio amatissimo Rolly, un bulldog francese di 7 anni. E’ possibile  portare il proprio cane, considerando che è un ribelle, al proprio matrimonio?
Non posso immaginare di doverlo lasciare,anche solo mezza giornata,a casa. 

Debora 

Ciao Debora, ti dico subito che il nostro fido amico non può mancare al matrimonio…ma, se decidete di annoverarlo tra gli invitati, è bene seguire qualche piccola regola per non trasformare il giorno più bello in un grande pasticcio.


1. Il prete prima di tutto.
 Prima di inviare le partecipazioni di matrimonio al vostro cagnolino, è necessario chiedere al parroco se potrà partecipare alla cerimonia, magari in fondo ai banchi… senza abbaiare. Molte chiese accettano gli animali, anzi in alcune di loro è possibile anche fargli portare all’altare le fedi con appositi cuscini legati al collare.Allo stesso modo, dovete chiedere alla location dove avete organizzato il ricevimento se è possibile aggiungere un posto a tavola… ops per terra, per il vostro amico fido.


2. Il buffet è off-limits.
È buona norma – e questo vale sempre, non solo per il giorno del matrimonio – non dare da mangiare al cane dalla tavola. Prevedete per il vostro amico un menu studiato apposta per loro e fatelo mangiare nello stesso momento in cui mangiate voi: così facendo eviterete che assalga, con occhi compassionevoli, gli invitati alla ricerca di un bocconcino.


3. Dog-parking.
 Per il benessere del cane, ma anche per il vostro, vi consiglio di allestire per lui una vera e propria area giochi all’ombra, dove possa scorrazzare liberamente, addentare il suo giocattolo preferito, riposare su un morbido cuscinone e bere quando ne avrà bisogno.

4. Eleganti sì ma senza strafare.
 Se il parroco lo permette potete pensare di trasformare il vostro amico a 4 zampe in un perfetto paggetto e fargli portare le fedi all’altare… quale migliore occasione per vestirlo come un vero principino? Via libera dunque a cravattini/collarini con strass dove sistemare le fedi o a smoking in miniatura realizzati appositamente per loro. Se avete una cagnolina esistono anche delle graziosissime gonnelline con le quali saranno bellissime. Solo un avvertimento: non addobbate il cane come se fosse un albero di Natale e a metà matrimonio toglietegli il vestitino e fatelo stare libero.

5. A lezione di galateo.
 Ci sono cani timidi ed educati e altri, invece, che sono delle vere e proprie pesti. Se il vostro fido amico appartiene alla seconda categoria, prima del matrimonio potete pensare di portarlo da un educatore che con poche lezioni gli farà capire come di sta buoni e seduti quando gli viene richiesto.

Non volete occuparvene in prima persona? Chiamata una dog-sitter, il vostro amico sarà il più felice tra gli invitati. 


Bau…ehm…auguri! 
Mr. Wedding

www.lucamelilli.it

www.pantarheiwedding.it

Credit Photo Nucleika

Luca Melilli
Carboidrati e matrimoni a colazione. Creativo e onnivoro,permaloso quanto basta ma sincero. Il suo rapporto con la vita è "una bellissima storia d'amore”. A lui, in effetti, dicono tutte di “sì”. La passione è la qualità che lo contraddistingue, nel lavoro, negli affetti, nelle cose belle. Con lui è sempre “Tutto Esaudito”!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here