Le frustrazioni generano mostri.
Anzi no Tweet.
Come quello di Caterina Balivo nei confronti di Diletta Leotta.
La giornalista catanese di Sky è tra gli ospiti della serata inaugurale di Sanremo.
E’ bellissima.
Un abito rosso con ricami in argento.
Ha una dizione perfetta, ben diversa dai suoi esordi a fianco di Umberto Teghini in Sala Stampa.
Un portamento regale.
Diletta Leotta a 25 anni, con una laurea in giurisprudenza in tasca, di strada ne ha fatta tanta.
Lancia un messaggio serio contro il cyberbullismo e si rivolge soprattutto alle ragazze più giovani di lei: “Siate forti e denunciate”.
Quest’estate la conduttrice di Serie B Studio su Sky è stata vittima dell’hackeraggio di alcune sue foto personali.
Il suo messaggio arriva forte e chiaro a tutti tranne che a Caterina Balivo che cinguetta velenosamente:

 


Un tweet che ha messo in confusione anche noi di SudLook.

Qualcuno ha affermato: “ma come può saltare in mente di fare un commento cosi?!? Qualcun altro per sdrammatizzare: “Ma non è che hanno hackerato anche il profilo della Balivo?”.
In realtà la Balivo ha fatto un grande errore.
Non nei confronti di Diletta Leotta, che ha lanciato il suo messaggio, sceso i suoi gradini, portato divinamente il suo abito e presenziato al Festival di Sanremo, ma nei confronti di se stessa.
Credendo che per parlare seriamente di qualcosa, per affrontare un argomento importante, per lanciare un messaggio contro il cyberbullismo sia necessario non portare la gonna, non avere uno spacco, non essere bella.

Foto: Il Fatto Quotidiano