Il mondo della mixology in Sicilia sembra ancora inesplorato.
Mentre i vini e i distillati si fanno spazio, alle pendici dell’Etna poco si parla dei cocktail e dell’esercito di Bartenders che si muove dietro hotel di lusso, locali alla moda e cocktail bar.
Un mondo ricco di ricerca, passione, studio, emancipazione e contaminazioni che potrebbe sembrare superficiale per i non addetti ai lavori, ma che è in realtà in continua evoluzione al pari della cucina e della sommellerie.

Ed è per questo che vogliamo svelare, a poco a poco, “i segreti dietro ai cocktail” per dare luce e spazio ai giovani innamorati della mixology che vivono in Sicilia e che hanno anche conquistato posizioni importanti grazie alla loro creatività.

La vita da Bartender non è una vita facile. Si viaggia tanto, si sperimenta e si ricerca.
Questo è quello che fa anche Mattia Cilia noto barman di origini vittoriesi che nel 2018 si è aggiudicato il terzo posto alla finale mondiale del Jameson Mixmaster Challenge, il contest mondiale dei miglior Bartenders internazionali.

Lui nel 2010 ha creato la Mixology’s Living Room Accademy, un vero e proprio movimento siciliano. Una scuola dove si fa formazione a bartenders di ogni livello destinata anche a chi vuole imparare nuove tecniche.
“Il mio obiettivo- spiega Mattia Cilia – è quello di far crescere la Sicilia e i bartender siciliani. Vorremmo dimostrare che anche noi sappiamo dire la nostra cosi come gli chef hanno dimostrato di saper fare”.

La Mixology’s Living Room Accademy parte dalla miscelazione territoriale:
“Fare miscelazione territoriale significa ricerca, attenzione dei dettagli e tanta passione.
Ci approcciamo in maniera completamente diversa, analizzando e conoscendo bene i prodotti.
C’è uno studio della materia prima per creare il cocktail perfetto. In Sicilia per esempio abbiamo la carruba. Il nostro obiettivo è quello di scoprire come possiamo miscelare la carruba, quali sono i pregi e quali sono i difetti. Facciamo cosi per tutte le materie prime”.

E dallo studio di prodotti e materie prime è partito anche Marian Beke barman conosciuto in tutto il mondo che arriverà in Sicilia proprio per una masterclass del nuovo corso della Mixology’s Living Room.

Marian Beke è considerato il barman che ha rivoluzionato la miscelazione mondiale interpretandola in chiave completamente diversa- ci spiega Mattia Cilia- Se fino a qualche anno fa la miscelazione era vista un po’ come mettere insieme dei prodotti liquidi che vanno dentro lo shaker, oggi con la sua una nuova interpretazione possiamo dire di aver aperto un nuovo capitolo legato al concetto che gli chef avevano già evoluto”.

Isprinadosi agli chef, Marian crea quindi una linea di miscelazione rivoluzionaria e in aula si parlerà anche di questo. Affascinato dallo scenario siciliano con una grande passione per la cucina del Maestro Corrado Assenza, Marian Bake raggiunge la Sicilia grazie a Mattia per portare un contributo importante al movimento siciliano della mxology.
Tra gli appuntamenti più cool c’è sicuramente quello di martedì 19 al Boats di Ortigia dove Beke si esibirà con i suoi segnature cocktail.


Simona Scandura
Una strana ossessione per la "mise en place", innamorata dei fiori, del caffè e di Bauman. Laureata in Giurisprudenza, docente di comunicazione politica istituzionale e sociologia della comunicazione. Iscritta all'albo dell'ordine dei giornalisti dal 2009 con un passato da cronista televisiva. Aspirante videomaker, Ha collaborato con diversi periodici regionali. Dal 2013 direttore della testata giornalistica d'inchiesta SUDPRESS. Oggi direttore di SUDLOOK!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here