E’ la bellissima Taormina lo scenario del primo G7 della storia sulle Pari Opportunità.
Ad accogliere le delegazioni governative, a questo ultimo appuntamento in calendario, è stata il Ministro Maria Elena Boschi (che per l’occasione ha scelto uno stile total black) sottolineato l’importanza di questo meeting proprio per abbattere le barriere di genere in tutti gli ambiti.

Ancora una volta la Sicilia diventa scenario mondiale dove discutere temi importantissimi. La speranza rimane sempre quella, che l’isola non rimanga solo location, ma diventi anche luogo da cui ripartire per creare le basi di crescita e sviluppo del territorio. C’è tanto da fare e, anche sulle pari opportunità, ci sarebbe tanto da discutere.

 

Oggi  invece si assiste a l Summit dove si stabiliranno strategie e strumenti per accelerare il progresso verso “l’eguaglianza di genere in tutti i nostri Paesi attraverso la promozione dell’empowerment economico delle donne e la lotta ad ogni forma di violenza, inclusa la tratta”.

Al Summit di Taormina si discuterà il ruolo chiave che le donne hanno per la crescita delle nostre economie e per il raggiungimento dello sviluppo sostenibile.

 

Le rappresentanti governative hanno scattato la foto di rito con nel salotto più elegante di Taormina,Piazza IX aprile. Dal Canada Maryam Monsef, ministra per la condizione femminile, dalla Francia Marlene Schiappa, Segretaria di Stato con delega alla parità dagli USA Kathryn C. Kaufman, consigliera del Presidente, dalla Gran Bretagna Joanna Roper, dalla Germani la Ministra federale per la famiglia gli anziani e le donne Katarina Barley, e dal Giappone Yuhei Yamashita, vice ministro parlamentare dell’Ufficio di Gabinetto.
Dopo i lavori, le rappresentanti si sposteranno a Catania presso il Teatro Massimo Vincenzo Bellini per assistere al balletto dell’etoile della Scala di Milano, Roberto Bolle che andrà in scena alle 20 di questa sera.

Simona Scandura
Una strana ossessione per la "mise en place", innamorata dei fiori, del caffè e di Bauman. Laureata in Giurisprudenza, docente di comunicazione politica istituzionale e sociologia della comunicazione. Iscritta all'albo dell'ordine dei giornalisti dal 2009 con un passato da cronista televisiva. Aspirante videomaker, Ha collaborato con diversi periodici regionali. Dal 2013 è direttore della testata giornalistica d'inchiesta SUDPRESS.