Sorrisi contro il disagio sociale

Tempesta di sorrisi è il progetto sociale, nato nell’ambito dell’avviso Educare insieme finanziato dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che sarà presentato alla stampa giovedì prossimo alle 10.30 nella sede dell’azienda capofila, chiamata a realizzarlo, la cooperativa Infomedia di via Vitaliano Brancati 14 a Catania.

Il titolo del progetto si deve alla Livio Tempesta, scuola catanese che ha plessi nei rioni Angeli CustodiTondicello della Plaia e San Giuseppe La Rena: gli allievi dell’Istituto comprensivo diretto dalla preside Emanuela Gutkowski Loffredosaranno, con le loro famiglie, i destinatari di questo programma che si propone di combattere il disagio sociale, culturale, emotivo e affettivo. E questocon laboratori pomeridiani per sviluppare talenti e consentire agli allievi di fruire di misure di sostegnoIl progetto sarà illustrato nei dettagli proprio nel corso della conferenza stampa.

All’incontro con i giornalisti saranno presenti Nino Novello, presidente di Infomedia,  Giuseppe Lombardo,  assessore dei Servizi Sociali del Comune di CataniaKatia Giardina, docente dell’Istituto Livio Tempesta e referente del progetto. Ci saranno inoltre Federica Lucia Virzì, progettista di Infomedia e che si occuperà del monitoraggio e della valutazione del programma, Daniela Chiarenza, responsabile di progetto della cooperativa Staff RelationAgnese Alberio, della segreteria organizzativa dell’associazione CofrinRaffaella Piccolo presidente di Filocrate Mario Condorellibusiness development di Laboo, startup che ha realizzato un prototipo di bici dal telaio in bamboo coltivato in Sicilia. 

Tra le altre attività, i ragazzi della Tempesta potranno infatti partecipare a laboratori per seguire le varie fasi della realizzazione di una bici in bamboo a partire dalla progettazione fino al montaggio e alla messa su strada

Share:

You might also like

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.