Qualcosa sta cambiando nel mondo dei matrimoni

luca-melilli
Di Luca Melilli

Non sorprende, infatti, che dagli Stati Uniti stia arrivando l’ultimo trend del settore: il micro-wedding.

In italiano potremmo chiamarlo micro-matrimonio, minimonio o minimonia e si tratta in pratica di una cerimonia organizzata in forma molto intima senza rinunciare a tanti dettagli speciali.

Vi spiego tutto quello che c’è da sapere.

A causa della pandemia legata al Covid-19, alcune coppie hanno deciso di spostare le nozze, mentre altre di sposarsi con celebrazioni intime, ribattezzate appunto con il termine micro-wedding o minimony.

Si tratta fondamentalmente di matrimoni più piccoli nel numero di ospiti, alla presenza dei soli membri della famiglia o di amici strettissimi. In alcuni casi, questo, è solo un piccolo anticipo di una grande festa che verrà poi organizzata in futuro, mentre in altri si tratta di un matrimonio curato in ogni dettaglio, seppur con poche persone.

Ma che cos’è esattamente una minimonia? 

luca-melilli

Lo dice il termine stesso: una mini cerimonia tenuta con i vostri cari o solo tra di voi, a livello simbolico. Chi lo desidera potrà, più avanti, organizzare quello che è già stato soprannominato il “sequel wedding”, ovvero il matrimonio (anche con rito religioso) con festa in grande, quando possibile. Questo, però, non cambia l’importanza del micro-wedding. Per renderlo speciale, dovete curarne ogni momento. Sì ai voti scritti a mano, agli abiti nuziali, al primo ballo insieme e a tutte le altre cose speciali che rendono unico ogni matrimonio. Potrà esserci anche una mini wedding cake, composizioni floreali ad hoc, un fotografo e un addetto allo streaming online per chi non è presente, se lo desiderate. Potrebbe essere addirittura una cerimonia segreta, comunicata solo all’ultimo istante. Avere una minimonia vi consentirà di consolidare la vostra unione come coppia, soprattutto dopo un periodo complicato come quello legato all’emergenza Coronavirus.

Il micro-wedding è di fatto una via di mezzo tra una fuga romantica e un matrimonio tradizionale, ecco perché potrebbe essere il compromesso perfetto per questo periodo. Inoltre, è ideale per la coppia che vuole davvero concentrarsi su quello che conta, magari concedendosi quelle piccole cose a cui avrebbe dovuto rinunciare in caso di nozze classiche con tanti invitati.

Un micro-wedding può far risparmiare molto, certo, ma molte coppie lo stanno trasformando in un’esperienza da mille e una notte, solo più intima e per pochi. Invece di un classico buffet, potrà essere considerata la cena in un ristorante di altissimo livello, a cui far seguire un weekend di vacanza tutti insieme, magari in una location privata presa in esclusiva.

Del resto, il classico formato extralarge dei matrimoni all’italiana stava già cambiando prima di questa crisi sanitaria. Sono finiti i giorni in cui il successo di un matrimonio era direttamente correlato al suo prezzo e al numero di invitati, con una festa esagerata che davvero non si adattava alle esigenze della coppia.

Un matrimonio più piccolo, con meno aspettative, vi consente di essere più flessibili e creativi. Sarete liberi di cambiare le cose all’ultimo momento, ad esempio, e non sentirete la pressione di includere tradizioni nuziali che non vi appartengono. Inoltre, un micro-wedding sarà più facile da coordinare, indipendentemente da dove vi troviate.

Mia nonna lo diceva sempre: “Ogni impedimento è giovamento”.

Che sia davvero l’inizio di una nuova era? Abbiamo già cambiato il nostro modo di vivere, cambieremo anche il modo di sposarci? Di festeggiare? Di divertirci?

Forse non ce ne siamo resi conto del tutto ma la “rivoluzione” è già in atto…

A sabato prossimo, impavidi amici.

Mr. Wedding

Condividi:

Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

La tua email non sarà mostrata. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.