Il colore delle parole

La Giornata Mondiale della Poesia si celebra ogni 21 marzo, primo giorno di Primavera, per volere dell’UNESCO che riconosce all’espressione poetica un ruolo privilegiato della promozione del dialogo interculturale, della comunicazione e della pace.

«La poesia è al centro di ciò che siamo come donne e uomini, che vivono insieme oggi, attingendo all’eredità delle generazioni passate, custodi del mondo per i nostri figli e nipoti- afferma Audrey Azoulay, direttore generale dell’Unesco- celebrando oggi la poesia, celebriamo la nostra capacità di unirci per lottare per la biodiversità come “una preoccupazione comune dell’umanità” e parte integrante del processo di sviluppo internazionale».

Ed ecco una bellissima poesia scelta dalla redazione di Sudlook dedicata a chi ogni giorno lavora con le parole.

O CULORE D’E PPAROLE 

(Eduardo De Filippo 1900-1984)

Quant’è bello ‘o culore d’e pparole
e che festa addiventa nu foglietto,

nu piezzo ‘e carta –

nu’ importa si è stracciato

e po’ azzeccato –
e si è tutto ngialluto

p’ ‘a vecchiaia,
che fa?
che te ne mporta?

Addeventa na festa

si ‘e pparole

ca porta scritte
so’ state scigliute

a ssicond’ ‘o culore d’ ‘e pparole.
Tu liegge

e vide ‘o blù
vide ‘o cceleste
vide ‘o russagno

‘o ppavunazzo,

te vene sotto all’uocchie ll’amaranto

si chillo c’ha scigliuto
canusceva

‘a faccia

‘a voce

e ll’uocchie ‘e nu tramonto.

Chillo ca sceglie,

si nun sceglie buono,

se mmescano ‘e culore d’ ‘e pparole.
E che succede?

Na mmescanfresca

‘e migliar’ ‘e parole,
tutte eguale

e d’ ‘o stesso culore:
grigio scuro.

Nun siente ‘o mare,

e ‘o mare parla,

dice.
Nun parla ‘o cielo,

e ‘o cielo è pparlatore.
‘A funtana nun mena.
‘O viento more.

Si sbatte nu balcone,

nun ‘o siente.
‘O friddo se cunfonne c’ ‘o calore

e ‘a gente parla cumme fosse muta.
E chisto è ‘o punto:

manco nu pittore

po’ scegliere ‘o culore d’ ‘e pparole.

Traduzione

IL COLORE DELLE PAROLE

Quant’è bello il colore delle parole,
e che festa diventa un foglietto,
un pezzo di carta –

non importa se è stracciato

e poi riattaccato –
e se è tutto ingiallito

per la vecchiaia,
che fa?
che te ne importa?

Diventa una festa,

se le parole

che porta scritte
sono state scelte

secondo il colore delle parole.
Tu leggi

e vedi il blu
vedi il celeste
vedi il rossiccio

il verde

il paonazzo,
ti viene sotto gli occhi l’amaranto

se chi ha scelto
conosceva

la faccia

la voce

e gli occhi di un tramonto.

Se chi sceglie,

non sceglie bene,

si mischiano i colori delle parole.
E che succede?
Una confusione

di migliaia di parole,
tutte uguali

e dello stesso colore:
grigio scuro.

Non senti il mare,

eppure il mare parla,

dice.
Non parla il cielo,

eppure il cielo è parlatore.
La fontana inaridisce.
Il vento muore.
Se sbatte un balcone,

non lo senti.
Il freddo si confonde con il calore

e la gente parla come fosse muta.
E questo è il problema:

nemmeno un pittore

può scegliere il colore delle parole.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here