Etna Est Est Est

Di Sudlook

Inizia da Trecastagni il viaggio sul Versante Est del Vulcano più alto d’Europa per raccontarlo nelle sue declinazioni, tra storia e tradizioni, per conoscere meglio i volti e i vini delle cantine protagoniste alla scoperta di uve, terroir e racconti inediti. 
L’appuntamento è per venerdì 17 settembre, presso la “Vigna Cisterna” di Ciro Biondi, via delle Acacie, 18 Trecastagni per iniziare un percorso lungo quattro serate dedicate alle cantine protagoniste di questa “rivoluzione gentile”: Cantina BiondiBarone di VillagrandeGambino Vini e Murgo

 «Il progetto nato lo scorso anno dall’idea di Michele Scammacca, proprietario della Cantina Murgo, e Marco Nicolosi, proprietario ed enologo della Cantina Barone di Villagrande – racconta Alfonso Caltagirone, responsabile dell’accoglienza della cantina Barone di Villagrande – quest’anno è stato sposato da altre due cantine rappresentative: Cantina Biondi e Gambino Vini. Siamo sicuri che questo quartetto riuscirà ad ampliare l’idea iniziale, quella di esaltare l’eleganza del versante EST facendone conoscere le diverse sfumature». 

«Il filo conduttore sarà il vino e ogni serata si svolgerà in maniera diversa – fa eco Pietro Scammacca, volto delle Cantine Murgo – abbiamo dei vini molto versatili e questo ci permette di poter creare dei percorsi enogastronomici che riflettano l’identità delle singole cantine.  Ognuno di noi racconterà la Sua Etnaperché ogni realtà ha le proprie caratteristiche inserite però in una visione d’insieme».  

«Una verticale immaginaria, dove alle annate si sostituiscono le diverse altitudini che accompagnerà l’ospite in un percorso alla scoperta di un terroir, quello etneo capace di dare vita a vini eccellenti e dalle diverse caratteristiche- sottolinea Francesco Raciti, proprietario dell’Azienda Gambino Vini –  È un progetto che vuole presentare l’Etna come un unico territorio e che mette al centro l’amicizia, la collaborazione e le sinergie di chi ha creduto pur sapendo quanto sia difficile produrre dei vini sul nostro Vulcano». 

«Siamo felici di far parte di questo progetto – racconta Ciro Biondi che aprirà la prima delle quattro serate – un territorio non si promuove singolarmente ma lavorando insieme. L’ingrediente segreto è “collaborare”, abitiamo tutti sul vulcano, perché non cercare di valorizzarlo al meglio?». 

Ad aprire le danze e le bottiglie in questo primo appuntamento, sarà la straordinaria cucina di Giuseppe Borzì, chef etneo, che ha saputo creare un percorso gastronomico capace di risaltare le peculiarità dei vini in degustazione: Outis Bianco dei padroni di casa, Etna Rosato di Barone di Villagrande, Etna Spumante Gambino della omonima Azienda e Tenuta S. Michele Bianco di Murgo. Appuntamento al tramonto, quando il cielo rosato colorerà di sfumature cangianti i grappoli d’uva tra le vigne incastonate nel nostro vulcano, quasi a regalar pennellate di vino all’intero panorama.

Una serata tra amici, un incontro per appassionati, estimatori e neofiti in cui si riflettono le tradizioni vinicole etnee, la convivialità, l’amicizia e ovviamente degli ottimi vini.  

  • Sarà necessario esibire il Green Pass o il certificato del tampone negativo effettuato entro 48 ore.
  • Si consiglia di indossare scarpe comode. 

  Info e prenotazioni 

  342 7633251 

  392 117 9746 

  3475857202 

Condividi:

Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

La tua email non sarà mostrata. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.