Emozionarsi a New York

Per anni ho immaginato quei grattacieli altissimi, quei monumenti, quelle strade per anni ho sognato New York, ed improvvisamente quei luoghi visti solo nel film sono finalmente diventati realtà suscitando in me delle fortissime emozioni.

New York è unica, è immensa, è vita pura, ti trascina, ti coinvolge. Quando arrivi hai una carica di adrenalina ed energia incredibile, pensavo che dopo il primo giorno passasse, invece mi ha accompagnata per tutto il viaggio, poiché la città riesce a trasmettere tutta la sua vitalità e il suo movimento continuo, non permette di distinguere nemmeno i giorni della settimana, perché sembrano tutti uguali.

New York è caos, continui rumori di clacson di sirene della polizia e dei pompieri, di Taxi gialli che sfrecciano per le strade, è fumo che esce dai tombini delle metropolitane, è profumo di hot dog a tutte le ore della giornata, è grattacieli immensi in ogni via, è il posto dove tutte le popolazioni si incontrano, è piena di gente assurda, matta, simpatica, c’è chi urla e balla dentro la metro, chi cammina in pigiama o in mutande per strada, New York è libera, si esprime e lo fa in ogni modo giusto o sbagliato che sia, ma VIVE! Ha un personalità tutta sua che è impossibile trovare in altre città.

Mi sento di darvi un consiglio vivete New York a piedi, è il miglior modo di vederla e di scoprila, chilometri di passi infiniti ma ripagati da tanta bellezza in ogni via, ho utilizzato la metro solo per gli spostamenti da nord a sud ma poi solo a piedi o in bici (Central Park e il ponte di Brooklin).

Di New York ho adorato sicuramente i classici imperdibili soprattutto per chi la visita per la prima volta come: Ellis Island e Liberty Island, Times Square, Il ponte di Brooklyn, Central Park, l’Empire State Building, Rockfeller Center, Grand Central Station, Il memoriale dell’11 Settembre, One World Trade Center, Cattedrale di San Patrizio, Museo di arte moderna (Moma), Museo Guggenheim, Wall street e il famosissimo toro porta fortuna.

Ogni città vista dall’alto ha un fascino incredibile, ma fidatevi che New York batte tutte, quindi si deve assolutamente ammirare dall’alto il più famoso skyline al mondo.

Ci sono tantissime altre attrazioni che meritano di essere visitate . Per chi ha qualche giorno in più consiglio di visitare il quartiere trendy di Soho, sopratutto per lo shopping. Da visitare anche The Vessel un’opera d’arte futuristica fatta solamente da scale, connesse da piattaforme, è situato nel quartiere più giovane di New York: Hudson Yards, in questa zona trovate anche la High Line, una vecchia linea ferroviaria in disuso, rivalutata e divenuta oggi uno dei luoghi più verdi da cui ammirare la città. Se avete la domenica mattina libera dovete assolutamente andare ad Harlem, dove il genere musicale Gospel è molto diffuso e ogni domenica cantano in molte chiese ed assistere alla loro messa è davvero emozionante. Il quartiere di Dumbo ( Down Under Manhattan Bridge Overpass) a Brooklyn, si tratta di un ex quartiere industriale, infatti vi sono molti edifici stile fabbrica e vecchi magazzini, ma oggi la zona è ricca di gallerie d’arte, atelier e lussuosi appartamenti ma la cosa più bella è sicuramente la possibilità di poter ammirare uno dei migliori panorami sullo skyline di Manhattan.

New York mi ha davvero emozionata ed ha pienamente soddisfatto le mie aspettative, auguro davvero a tutti di avere la possibilità di visitarla, io spero di ritornarci perché New York non sarà mai la stessa, sarà pronta a regalarci sempre nuovi luoghi e nuovi momenti magici da vivere.

Roberta Cantone
La valigia? Sempre pronta! Viaggiare è la sua più grande passione, scoprire il mondo e le sue immense diversità. Ama la sua Sicilia e tutto quello che di unico riesce ad offrirle, ma sente molto spesso il bisogno di spiccare il volo altrove. Laureata in economia aziendale, ricopre il ruolo di Team Leader presso un'azienda di Telecomunicazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here