Catania: le periferie al centro della X edizione della Summer School di Sociologia del Territorio

Di Sudlook

Al via da giovedì 9 settembre alle ore 11.00 fino al 16, la X edizione della Scuola di Alta formazione di
Sociologia del Territorio dell’Ass.ne Italiana di Sociologia (AIS) dal titolo “Le Periferie del Centro. Vecchie e
nuove forme di disagio sociale. Il caso di Catania”.
Promossa dal Consiglio Nazionale dei Sociologi dell’Ambiente e del Territorio, nell’ambito del progetto formativo “PeriferiCITTÀ”, la Summer School avràsede presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Catania che la patrocina, insieme con altri Dipartimenti di Scienze Sociali degli Atenei di Milano-Bicocca e di Sassari, della Conferenza Italiana dei Corsi di Laurea in Servizio Sociale, dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani, dell’Ordine Professionale Assistenti Sociali Regione Sicilia, dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori della Provincia di Catania, dell’associazione catanese CittàInsieme, dell’Unione delle Comunità Islamiche d’Italia e della Comunità Islamica di Sicilia.
A dare il proprio contributo anche il Politecnico di Torino e del movimento Jane’s Walk Catania.
La città di Catania per una settimana sarà un “laboratorio di studio e di ricerca” che vedrà coinvolti – in un
percorso sociologicamente orientato – 28 iscritti (studenti magistrali e dottorandi) provenienti da tutta
Italia, con una formazione fra scienze politiche e sociali e scienze della progettazione, per contribuire alla
definizione di figure professionali capaci di riflettere sulle problematiche di marginalità socio-economica,
culturale e fisica dei centri storici.


“Accanto alla formazione accademica si è inteso privilegiare un’altra attività di ricerca sul campo – dichiara il
prof. Carlo Colloca, docente di Sociologia urbana presso il DSPS dell’Università di Catania e responsabile
scientifico della Summer School – il coinvolgimento di un parterre così articolato di istituzioni accademiche e
non, di ordini professionali e di rappresentanti dell’associazionismo si motiva perché le  grandi città del Sud
Italia, e fra queste il capoluogo etneo, assistono a crescenti condizioni di vulnerabilità e di disagio sociale,
acuite dal Covid19, che vanno oltre le periferie geografiche e interessano anche i quartieri storici. Occorre,
dunque, un approccio che coinvolga una molteplicità di attori attenti alla complessità dei bisogni individuali
e collettivi, affinchè si comprenda per chi e perché si progetta e come si possano avviare processi sostenibili
di rigenerazione urbana anche in queste aree”.
Ad aprire i lavori della Summer School, il Rettore dell’Università di Catania, prof. Francesco Priolo, insieme
con il Direttore del DSPS, prof. Giuseppe Vecchio. Seguiranno gli interventi dell’Avv. On. Enzo Bianco, in
qualità di Presidente del Consiglio Nazionale dell’Anci, del Segretario dell’Ordine degli Architetti della
Provincia di Catania, arch. Giuseppe Messina, della prof.ssa Maria Carmela Agodi, Presidente dell’AIS, del
prof. Giampaolo Nuvolati, coordinatore del Consiglio Nazionale dei Sociologi dell’Ambiente e del Territorio e
del prof. Carlo Colloca.
“Nel tentativo di comporre una sequenza di azioni e di competenze teoriche e metodologiche che concorrano
ad una progettazione sociale del territorio –  conclude il prof. Colloca – gli allievi si dedicheranno ad aree
specifiche della città, quali Antico Corso, Civita e San Berillo, incontrando cittadini residenti ed associazioni”.
Significativo il dialogo della Summer School con la comunità islamica catanese che ospiterà, presso la
Moschea della Misericordia, alcuni dei momenti formativi. L’intento degli organizzatori è, infatti,
soffermarsi sulla stratificazione di popolazioni residenti nel centro di Catania, fra le quali è significativa la
presenza di cittadini stranieri immigrati, accanto ad altre popolazioni fragili quali, gli anziani, senza
trascurare tutta una platea di city user che vivono il centro storico anche per ragioni di consumo.
Il 16 settembre – a conclusione dei lavori – gli allievi presenteranno ipotesi progettuali e strategie di
azione che troveranno ulteriori approfondimenti in tesi di laurea, di dottorato e in percorsi di tirocinio e che
gli organizzatori sperano possano essere una risorsa in più di conoscenze a beneficio della comunità locale.

Condividi:

Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento

La tua email non sarà mostrata. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.