Bottega è una storica cantina immersa nel cuore delle campagne di Treviso, un grande marchio che ha scelto il sud est della Sicilia per un tour di degustazioni dedicate ai vini freschi e versatili.

L’etichetta Bottega nasce più di 3 generazioni fa quando il nonno di Stefano, Sandra e Barbara, attuali titolari, iniziò a produrre grappe e distillati per poi nel tempo riuscire a diversificare la proposta fino ad arrivare ad oggi con una gamma di vini spumante, prosecchi, vini rossi, liquori, creme-liquore e grappe che sfiorano quota 16 milioni di bottiglie.

Per raccontarsi ai siciliani l’etichetta ha organizzato tre eventi tutti diversi fra loro con l’abbinamento dei vini spumante e i prosecchi Bottega.

Il Tour “Bottegas’ Handshake and tasting” curato dall’area manager di Bottega, Gianni Arrabbito, si è svolto il 17 e 18 novembre nelle provincie di Ragusa e Siracusa con successo di pubblico che ha degustato i versatili vini e le bollicine firmate dall’azienda.

A raccontarle con eleganza e disinvoltura l’enologa Lorenza Scollo, che ha fatto un focus sul territorio e sulla produzione di Bottega e poi ha saputo spiegare con parole semplici ed efficaci in tema di bollicine: “Le bollicine sono versatili, molto facili da abbinare, rilasciano un senso di freschezza e puliscono molto bene il palato”.

Una storia di famiglia che rappresenta un successo per il nostro Made in Italy nel mondo, che li porta oggi ad essere presenti in 132 paesi del mondo, nei più importanti duty free e compagnie aeree.

Una qualità possibile solo grazie alle tecniche nel pieno rispetto dell’ambiente: le vigne vengono ancora coltivate usando metodi biologici e tradizionali, atti a garantire gli elevatissimi standard di qualità richiesti dalle DOP e dalle DOCG.

L’ultimo evento a gran finale del tour si è svolto presso l’ex carcere borbonico di Vittoria, presso Strade del vino-Cerasuolo. Padrone di casa Salvo Faviana, che nello stesso giorno ha spento 40 candeline ed ha accolto i suoi ospiti con una magnifica degustazione a base di prodotti del territorio e delizie preparate dallo chef Gabriele Gueli dell’Enoteca Mattei.

Un viaggio attraverso i sapori tipici della terra iblea, accompagnati dalla degustazione di un Prosecco DOC Gold, e di un Prosecco Rive di Bottega, un DOCG dal perlage fine e persistente e piacevolmente sapido al palato, caratteristica derivata dalle condizioni pedoclimatiche del terreno dal quale proviene.

E per finire, Bottega ha offerto una degustazione di Grappa di Amarone Riserva invecchiata 18 mesi, prodotta con bucce di uva amarone, invecchiata in botti di legno. Nonostante i suoi 43 gradi, la Grappa di Amarone Bottega conserva un bouquet di uva passa, cioccolato, vaniglia, e legno in abbinamento ad un buon sigaro classico o alla nocciola offerto dalla nota azienda Toscano. Un perfetto finale, un modo diverso per concludere un pasto.

Durante gli eventi è stato proiettato il cortometraggio del regista modicano Vincenzo Laurella, “Dalla polvere”, vincitore di numerosi premi nazionali e internazionali. Un connubio stimolante che ha coniugato cultura del buon bere, arte cinematografica e locations straordinarie.

 

Foto Credits: Attimo Catturato

Valeria Lopis
Mamma ai tempi di whatsapp, winelover appassionata, lettrice seriale, 100% made in Catania ma con tanta voglia di importare usi e costumi nord europei, a cominciare dal loro design, così dopo una bella laurea in scienze politiche e tante collaborazioni nel mondo della comunicazione, inizia il suo lavoro nel mondo del design come arredatrice d'interni presso un prestigioso show room catanese. Social quanto basta, orgogliosa proprietaria di un vespone dell'82, a bordo del quale il mondo è sempre un posto bellissimo, capta pensieri ed energie, come tutte le donne è geneticamente predisposta a fare circa 10 cose contemporaneamente, ogni giorno è un nuovo giorno ma la domenica è sempre troppo breve!