Ad un mese e mezzo dal suo lancio, l’iniziativa social #iomangioebevosiciliano nata – lo ricordiamo- da un gruppo di amici, imprenditori, giornalisti e comunicatori, che hanno deciso di promuovere la rinascita dell’economia siciliana, coinvolgendo tutto il comparto produttivo siciliano, può vantare tra le tantissime illustri adesioni, quella del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, dell’assessore regionale dell’agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Edy Bandiera, dello chef stellato Ciccio Sultano, patròn del ristorante “Duomo” di Ragusa, della giornalista Stefania Petix, inviata siciliana di Striscia la Notizia e, di recente, anche quella di Slow Food Sicilia nella persona del suo portavoce Rosario Gugliotta.


“La partnership con Slow Food Sicilia nata in questi giorni darà l’opportunità ai produttori dei presìdi e delle comunità siciliani di ottenere visibilità all’interno della grande vetrina virtuale di #iomangioebevosiciliano con un approccio dedicato e riconoscibile consentendo anche di veicolare le offerte legate alla recente iniziativa del “Panaro Slow” grazie alla quale sarà possibile ricevere i prodotti dei presìdi e delle comunità Slow Food siciliani direttamente a domicilio” spiega Rosario Gugliotta, presidente di Slow Food Sicilia.

“Dalla consapevolezza che l’emergenza sanitaria globale abbia modificato, irreversibilmente nella maggior parte dei casi, le abitudini di vita e di consumo di tutte le persone del mondo, agire per garantire la tenuta del sistema produttivo siciliano è divenuta una necessità e non una opzione- racconta Giuseppe Biundo ideatore dell’iniziativa -. Così, all’hashtag #iomangioebevosiciliano sono seguiti gli omonimi pagina fb e sito web fino ad arrivare ad un gruppo fb, costituito da pochi giorni e in continua crescita, che conta già quasi 20.000 iscritti provenienti da tutto il mondo. Siamo molto soddisfatti di questo risultato e l’adesione di Slow Food Sicilia alla nostra iniziativa rappresenta per noi un vero e proprio fiore all’occhiello”.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here