La notte del liceo classico Spedalieri

A metà tra la notte di ferragosto e quella di Capodanno. Si perché al liceo Classico Spedalieri di Catania durante la notte dei Licei- che si svolge in tutta Italia- è possibile incontrare  giovani elegantissimi che recitano poesie sui corridoi e ragazzi con scarpe da ginnastica strumenti musicali in mano, zaino in spalla e un tappetino da palestra per dormire. Ma la notte di festa del Liceo di Piazza Annibale Riccò non è fatta per dormire, ma per celebrare la cultura evidenziando che  oltre lo studio del latino e del greco c’è davvero di più.


Letture, reading, spettacoli e rappresentazioni
classiche per far rivivere il pensiero di filosofi, scrittori e pensatori dell’età classica, con l’intento di raccontare un sistema che, per quanto soffra di calo di iscrizioni, resta una delle basi della formazione scolastica e umana delle nuove generazioni. Ieri durante gli spettacoli la preside Daniela Di Piazza passeggiava tra i corridoi registrando una grande soddisfazione per la riuscita dell’evento  coordinato per intero dalla professoressa Valeria Sanfilippo. Dalle musiche, agli abiti, alla scenografia, il progetto è frutto di un’idea costruita con attenzione dall’energica professoressa Sanfilippo che da anni insegna in questo Liceo. A catturare l’attenzione è stato lo spettacolo in lingua inglese, la ricostruzione del Tiaso di Saffo e le danze greche.

Gli spettacoli iniziati alle 18.00 sono finiti dopo mezzanotte, all’ultimo piano un piccolo buffet e la creazione di un’istallazione decadentistica, che mostra come il mondo di oggi stia piano piano distruggendo la natura.
Ma intanto a Catania basta una scuola per ricordare al mondo quanto sollievo dia la bellezza, anche solo per una notte.


Simona Scandura
Una strana ossessione per la "mise en place", innamorata dei fiori, del caffè e di Bauman. Laureata in Giurisprudenza, docente di comunicazione politica istituzionale e sociologia della comunicazione. Iscritta all'albo dell'ordine dei giornalisti dal 2009 con un passato da cronista televisiva. Aspirante videomaker, Ha collaborato con diversi periodici regionali. Dal 2013 direttore della testata giornalistica d'inchiesta SUDPRESS. Oggi direttore di SUDLOOK!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here